Etichette

martedì 29 aprile 2014

Discover my Library # 6


Bentornati nella mia Foresta Incantata!
Discover my Library è una rubrica che condivido con Reina de Il Portale Segreto, verrà pubblicata a martedì alterni e consiste nel farvi conoscere la mia libreria. Si tratta di un modo simpatico per permettervi di entrare a curiosare tra i miei scaffali, scoprendo qualcosa in più su di me e sui miei amici di carta e inchiostro! Analizzerò pian piano gli scaffali della mia libreria, prendendo in considerazione pochi libri alla volta; per ognuno di essi lascerò i link alla trama e alla recensione (qualora ci fosse), e qualche mio aneddoto ad esso legato.

Continuo ad analizzare lo scaffale in cui ho cercato di racchiudere i classici del Fantasy e non, e cioè quello segnalato dal cerchietto bianco:


 Ecco qui i libri che prenderò in esame questa volta (cliccate sulla copertina se volete leggerne la trama):

    
     
"Harry Potter e l'Ordine della Fenice" di J.K.Rowling:
Non ho dei ricordi particolari legati a questo libro, lo lessi alle medie. Quello che non scorderò mai riguardo questo capitolo della saga è l'odio profondo nei confronti di quella megera di Dolores Humbridge! Ancora oggi il solo sentire quel nome mi fa rizzare i peli sul collo, non la sopporto, è stato un personaggio talmente odioso da avermi reso pesante la lettura >_<
Se volete leggere la mia recensione cliccate qui.

"Harry Potter e il Principe Mezzosangue" di J.K.Rowling:
Avevo atteso con ansia il seguito al quinto volume, lessi questo libro ormai alle superiori e purtroppo iniziavo ad avere poca fiducia nella Rowling. Non perché la saga di Harry Potter non mi piacesse più, ma semplicemente per il fatto che i libri uscivano a molto tempo di distanza (le saghe non sono mai state il mio forte).
Se volete leggere la mia recensione, potete cliccare qui.

   
   
   
"Harry Potter e i Doni della Morte" di J.K.Rowling:
Lessi questo libro molti anni dopo la sua uscita nelle librerie, per la precisione due anni fa, concludendo così la saga del maghetto con gli occhiali. Sono cresciuta con Harry Potter e ricorderò sempre il finale di questa meravigliosa serie, mi ha tenuta sveglia la notte più di una volta!
Se volete leggere la mia recensione cliccate qui.

"Manuale per apprendisti maghi - Guida al magico mondo di Harry Potter" di A.Z. Kronzek e E. Kronzek:
Questo libro lo comprai quando andavo alle scuole medie, ero così affascinata dal mondo di Harry Potter (e lo sono tutt'ora) che non potei lasciarmi scappare questo volume quando lo vidi sugli scaffali della mia libreria di fiducia. Lo lessi tutto d'un fiato, lo studiai persino! E ora troneggia nella mia libreria, accanto ai sette libri che compongono la saga ^_^

Li conoscete? Li avete letti?


giovedì 24 aprile 2014

Il Gufo Postino # 56


Bentornati in questa Foresta Incanta, creature del bosco!
Torno sul blog con questa rubrica, che altro non è che la mia versione di "In my mailbox". Per chi ancora non la conoscesse, ecco di cosa si tratta: il Gufo Postino consiste nel presentare i libri acquistati, regalati, prestati o ricevuti.... per rendere più accattivante la presentazione, io e la mia sorellina Yvaine del blog Il Pozzo dei Sussurri abbiamo pensato di lasciarvi, insieme alla trama, anche l'incipit dei libri in questione, di modo da darvi un piccolo assaggino ^^ La rubrica verrà postata da me il giovedì, ovviamente i giovedì in cui il Gufo Postino mi avrà mandato qualcosa =)

Ecco cosa mi ha portato ultimamente il Gufo Postino, in occasione del mio compleanno ^_^

Trama
«Un ragazzo sale su di un albero, si arrampica tra i rami, passa da una pianta all'altra, decide che non scenderà più. L'Autore di questo libro non ha fatto che sviluppare questa semplice immagine e portarla alle estreme conseguenze: il protagonista trascorre l'intera vita sugli alberi, una vita tutt'altro che monotona, anzi: piena d'avventure, e tutt'altro che da eremita, però sempre mantenendo tra sé e i suoi simili questa minima ma invalicabile distanza. Ne è nato un libro ... che sfugge a ogni definizione precisa, così come il protagonista salta da un ramo di leccio a quello d'un carrubo e resta più inafferrabile d'un animale selvatico. Il vero modo d'accostarci a questo libro è quindi quello di considerarlo una specie di Alice nel paese delle meraviglie o di Peter Pan o di Barone di Münchhausen, cioè di riconoscerne la filiazione da quei classici dell'umorismo poetico e fantastico.»

Incipit:
Fu il 15 giugno del 1767 che Cosimo Piovasco di Rondò, mio fratello, sedette per l'ultima volta in mezzo a noi. Ricordo come fosse oggi. Eravamo nella nostra villa d'Ombrosa, le finestre inquadravano i folti rami del grande elce del parco.





Per questo libro ringrazio infinitamente Angelica del blog Il Castello tra le Nuvole per avermelo inviato =)

Trama:
Le quattro avventure classiche dei personaggi di Boscodirovo pubblicate in un formato tascabile.

Incipit
Era un'estate molto calda.
Ogni giorno il sole saliva alto nel cielo azzurro e le distese dei campi luccicavano nella calura. La siepe era immersa in una calma assonnata. La maggior parte dei topolini preferiva rimanere nelle casette ombrose per trovare un po' di refrigerio. Fuori di casa il posto migliore era giù, vicino al ruscello. I topolini si trovavano lì nel pomeriggio, si sedevano sulla riva ombrosa e lasciavano penzolare zampe e code nell'acqua chiara.

Per questi seguenti due libri ringrazio la carissima Reina del blog Il Portale Segreto, non la ringrazierò mai abbastanza per i bei regali che mi ha fatto =,)

Trama:
Viviamo in un mondo che non rispetta più la natura e i suoi abitanti, neppure l’essere umano. Stiamo arrivando a un bivio, e imboccando il sentiero sbagliato potremmo andare incontro a un periodo di grandi calamità. Cosa possiamo fare concretamente per evitare tutto ciò? Come possiamo intervenire sulle sorti del pianeta attraverso il nostro limitato raggio d’azione? Una risposta possibile sta proprio nell’intraprendere Il Sentiero della Terra insieme a Starhawk! L’autrice, nota anche per la sua attività di protesta civile in difesa della Terra, ci spiega in maniera concreta e pratica, come intervenire nella propria vita per cambiare in meglio quella del pianeta e quella di tutti noi. Il Sentiero della Terra è ricco di esercizi da svolgere singolarmente o in gruppo ma anche di incantesimi, canti e meditazioni. È inoltre corredato da numerosi consigli pratici che riguardano la coltivazione e la riattivazione della vitalità della Terra, sia che viviamo in campagna, e quindi con grandi spazi a disposizione, sia che abitiamo in città e che abbiamo come unica risorsa “verde” solo un piccolo giardino o un balcone, o addirittura il parco pubblico. Sempre in quest’ottica, vengono fornite numerose indicazioni riguardanti il riciclaggio dei rifiuti e dell’acqua, da sempre uno dei beni più preziosi per la vita, che richiede la nostra massima attenzione per essere protetta dalle speculazioni delle multinazionali oggi in cerca di ogni sistema per privatizzarla. Parallelamente l’autrice ci indica un sentiero interiore da percorrere, basato sulle tradizioni pagane e le pratiche sciamaniche, che ci permetterà di aprire gli occhi sul mondo circostante in maniera nuova e ci insegnerà a rispettare il delicato equilibrio naturale re-imparando a vivere in simbiosi con tutti gli elementi: la Terra, l’Acqua, l’Aria e il Fuoco. Un libro di grande attualità che ci indica come agire in maniera intelligente, equilibrata e olistica e che ci ricorda l’importanza di assumerci la nostra parte di responsabilità riguardo alle sorti del mondo.

Incipit:
E' quasi il tramonto di una calda giornata di luglio e mi ritrovo sulla cima di una collina, tra le montagne della costa della California. Insieme ai miei vicini, mi sto recando a un rituale di protezione dal fuoco. 
Le nostre case e la nostra terra sono a rischio di incendio per tutta l'estate; durante l'inverno, se l'annata è buona, cadono dai due ai tre metri di pioggia, e gli alberi, l'erba e i cespugli crescono alti e vigorosi.



Trama:
C'è un campo, la Base, dove crescono i bambini senza ricordi o memoria. Tra loro c'è un gruppo più vivace, composto da Hana, capo del Guscio, dura e metodica, Dudu, sempre attento e guardingo, Glor, grande e goffo, Cranach, il più lento di tutti, Orla, la più piccola, e infine ZeroSette, l'ultimo arrivato. C'è anche Tom, ma lui appare diverso: si perde in mille pensieri e a volte sente riaffiorare un Coccio, un frammento di vita passata. Un giorno convince i ragazzi a spingersi nel bosco per esplorare il mondo di fuori. Porta con sé un libro di fiabe appena ritrovato, che comincia a leggere ad alta voce suscitando emozioni e curiosità. Ma ben presto nel gruppo si alterneranno rivalità e gelosie, scoperte e amori: tutto seguito da lontano da Jonas, addetto al sistema di controllo del campo, che in realtà ha programmato una fuga. Così, quasi per incanto, quel libro e quella lettura doneranno a ognuno di loro un filo di speranza e gioia. Una storia sospesa in un limbo spaziale e temporale, poetica, dolente, che scava negli animi dei ragazzi, esplorandone i sentimenti.

Incipit:
"E' arrivato uno nuovo" annunciò Glor correndo giù dalla collina. Gli altri sedevano in cerchio e giocavano a ossi. Non vinceva nessuno; ognuno giocava per conto suo. Però stavano vicini.
Hana fu la prima ad abbandonare il gioco. Depose a terra i suoi ossicini bianchi e alzò gli occhi verso di lui: "Che numero?"
"Non saprei" disse Glor, esitante.


Dato che, come alcuni di voi sapranno, sto frequentando un corso di francese, la mia sorellina Yvaine del blog Il Pozzo dei Sussurri ha pensato di regalarmi il libro di Frozen in francese, per aiutarmi ad impararlo! Un'ottima idea devo dire =)


Trama:
La Reine des Neiges a plongé le royaume d'Arendelle dans un hiver éternel. Sa soeur, la princesse Anna, se lance à sa recherche pour la convaincre de briser le sortilège. Mais en chemin, elle devra affronter de terribles dangers... Anna parviendra-t-elle à sauver son royaume et à retrouver l'amour de sa soeur ? 

Incipit:
Bienvenue au royame d'Arendelle! Nichée au coeur d'une vallée nordique, la paisible citadelle s'élève sur les bords d'un fjord à l'eau limpide. Le Chateau royale domine le village entouré de montagnes aux pics enneigés, où travaillent sans relache les récolteurs de glace. Kristoff reve de les rojoindre, quand il sera grand.



Voi che ne pensate?  Li conoscete?

mercoledì 23 aprile 2014

Tag: A room for a book


Bentornati nella mia Foresta Incantata!
Oggi vi tengo compagnia con un simpaticissimo tag, ideato dal blog Il Mercatino dei libri Fantasy =) Si tratta di associare ad ogni stanza della casa un libro, ecco qui dunque le mie risposte!

1) Cucina
E' una delle stanze più vissute della casa, sempre piena di odori, profumi e delizie. Quale libro migliore per questa camera se non "Il giardino dei raggi di luna" di Sarah Addison Allen? Quando penso alla cucina di solito mi vengono in mente le torte e i dolci che vorrei sfornare, e dal libro della Allen scaturiscono proprio i magici profumi che vorrei sentir uscire dal forno di casa mia!

2) Salotto
Questa stanza è un luogo di incontri, di chiacchiere, di scambi di idee e a volte (perché no?) di raffinatezze nascoste dietro alle vetrine di una credenza. Non so perché, ma al salotto assocerei "Orgoglio e Pregiudizio" di Jane Austen (non chiedetemi il motivo, non saprei rispondervi!)


3) Camera da letto
Se penso a questa stanza mi viene in mente il sonno e, di conseguenza, i sogni. Associo dunque alla Camera da letto "Sogno di una notte di mezza estate" di William Shakespeare, uno dei miei libri preferiti =)


4) Cantina
A questo ambiente associo un'atmosfera misteriosa e cupa, colma di segreti. Associo dunque alla cantina ben due libri (perdonate lo strappo alla regola, ma...): "L'acchiapparatti di Tilos" di Francesco Barbi e "Dark Shadows - La maledizione di Angelique" di Lara Parker. Il primo nasconde tra le sue pagine una storia a tratti oscura e a tratti spensierata, mentre il secondo fa venire i brividi per le atmosfere cupe e horror.



5) Bagno
Questa stanza mi fa pensare all'acqua e inevitabilmente mi viene da associare ad essa il libro "La Corsa delle Onde" di Maggie Stiefvater. E' un libro molto bello, anche se a tratti inquietante, non si sposa molto bene con il bagno, ma è l'unico che mi venga in mente =P


6) Camera degli ospiti
A questa stanza assegnerei un libro di intrattenimento, quindi "La Terra delle Storie - L'incantesimo del Desiderio"di Chris Colfer, per le instancabili avventure in esso contenute e per la facilità con cui si legge questa storia, così scorrevole e piacevole.


7) Corridoio
E' un luogo di passaggio, di solito non gli do molta importanza, quindi se devo associare un libro a questa stanza, assegnerei "La collezionista di cose perdute" di Alexis Smith: un libro di passaggio che mi ha lasciata quasi del tutto indifferente.



Che ne pensate? Se volete lasciatemi le vostre risposte qui sotto oppure rispondete sui vostri blog =) Sarò felice di leggervi!


martedì 22 aprile 2014

Recensione: "La Terra delle Storie - Il ritorno dell'Incantatrice" di Chris Colfer


Bentornate nella mia Foresta Incantata, creature del bosco!
Finalmente, dopo tanta attesa, ho potuto stringere tra le mani il secondo volume de "La Terra delle Storie", è stato emozionante potermi rituffare nelle avventure di Alex e Conner e salutare di nuovo i personaggi alla fine del libro è stato doloroso. La nostalgia non mi abbandona, vediamo di lenirla un po' con questa recensione ;)



Autore: Chris Colfer
Editore: Rizzoli
Pagine: 616
Prezzo:  15,00 euro

Trama: Ma come si può far finta di niente dopo aver scoperto che il mondo delle fiabe esiste davvero e la nonna è la Fata Madrina di Cenerentola? Del resto, la nonna non si fa viva da tanto, troppo tempo: i gemelli cominciano a essere in pensiero. E ne hanno ogni ragione, perché nella Terra delle Storie è tornata l'Incantatrice - la fata che ha maledetto la Bella Addormentata - per compiere la sua vendetta e ha rapito la mamma dei gemelli. Alex e Conner devono tornare nel mondo delle fiabe a tutti i costi. Per fortuna lì hanno lasciato tanti amici, Jack e Riccioli d'Oro, Cappuccetto Rosso e Ranocchietto... perché solo con una buona squadra si può sperare di sconfiggere la nemica più temibile.

Voto:
Recensione
Ci sono libri senza età, che ti entrano nel cuore  per non uscirne mai più; ci sono libri che ti emozionano, facendoti tornare bambino, che ti fanno sentire a casa e che ti danno un senso di tristezza quando è ora di salutarne i personaggi, amici fidati e compagni di avventure. Ecco, "La Terra delle Storie" è tutto questo per me, ma andiamo con ordine.
Nel primo volume di questa magica saga avevamo lasciato i due protagonisti di ritorno nel mondo reale, o Altromondo, come viene chiamato dagli abitanti della Terra delle Storie; all'inizio di questo secondo capitolo li ritroviamo ancora una volta qui, tra i banchi di scuola e i piccoli problemi quotidiani. Alex e Conner vorrebbero tornare nel mondo delle fiabe, ma la loro nonna, la Fata Madrina, sembra non volerli accontentare. Le cose si complicheranno ulteriormente quando la madre dei due gemelli scomparirà misteriosamente senza lasciare alcuna traccia; determinati più che mai, i due protagonisti della storia torneranno nella Terra delle Storie, ma il tanto agognato ritorno non è proprio come se lo erano aspettato. Ad attenderli troveranno una terra in pericolo, minacciata dall'Incantatrice, colei che maledisse la regina Bella Addormentata.
Ancora una volta la copertina del romanzo è bellissima, un grazie alla Rizzoli per aver deciso di mantenere quella originale senza apportare modifiche. Così come la cover del primo volume di questa saga, anche quella di questo capitolo si addice alla storia contenuta tra le pagine del libro.
Colfer utilizza un linguaggio  ed uno stile di scrittura semplici, ma non per questo banali. Il libro è stato pensato per i giovani lettori, pertanto non utilizza un lessico complicato; il tutto si traduce in una scrittura estremamente scorrevole e piacevole, adatta a grandi e piccini. Lo stile di Colfer risulta più maturo qui rispetto al primo volume della saga; l'autore abbandona alcune ingenuità, tuttavia ci sono ancora alcuni dettagli che hanno suscitato la mia perplessità; si tratta di alcune scelte che non ho condiviso fino in fondo, tuttavia questo non mi ha impedito di amare il romanzo.
Il ritmo della narrazione è incalzante, le vicende narrate da Colfer sono così avvincenti che difficilmente il lettore  riuscirà a scollare lo sguardo dalle pagine durante la lettura.
Le descrizioni fatte da Colfer sono sempre esaustive, mai pesanti né prolisse; con la sua penna, l'autore ci conduce in un mondo colmo di meraviglia, pronto ad incantarci con la sua magia nuova e conosciuta al tempo stesso.
Come avevo già avuto modo di notare per "L'Incantesimo del Desiderio", i personaggi risultano essere la vera carta vincente di questa saga: profondi, mutevoli e mai banali, sanno sorprendere il lettore con le loro evoluzioni. Colfer torna a dare ampia voce ai  cattivi delle fiabe tradizionali, ribaltando le certezze di ogni bambino (o adulto che sia), insegnando al lettore che niente deve essere dato per scontato e che è necessario conoscere a fondo le persone prima di giudicarle. Ritroviamo in questo capitolo della saga molti dei personaggi incontrati nel primo volume: Alex e Conner in primis, cresciuti e cambiati, poi Cappuccetto Rosso, Ranocchietto, Jack e Riccioli d'Oro, la Fata Madrina, Cenerentola e la Bella Addormentata.
Nello schieramento dei cattivi delle fiabe invece troviamo Tremotino, che nasconde più di un segreto e che saprà sorprendere il lettore in più di un'occasione; conosciamo anche la Regina dei Ghiacci, la temibile Strega del Mare, la matrigna e le sorellastre di Cenerentola. Tutti loro, o quasi, hanno una storia da raccontare, un passato diverso da quello che il lettore si aspetterebbe. Gli stessi protagonisti, i gemelli Bailey, sono diversi da quelli che avevamo lasciato con l'epilogo de "L'Incantesimo del Desiderio": sono più maturi, più responsabili, abbandonano i panni dei bambini per indossare quelli degli eroi ormai cresciuti. Devo ammettere che le battute spiritose di Conner, che nel primo libro mi avevano fatto sorridere più di una volta, qui mi siano proprio mancate. Per quanto riguarda Alex invece, in questo capitolo si ritroverà davanti  a decisioni difficili da prendere, ma crescere si sa, non è mai stata una passeggiata.
Un'altra cosa encomiabile dei libri di Colfer è la sua capacità di trattare tematiche importanti ed attuali in un libro apparentemente infantile; la morte o l'assenza di un genitore nella vita di un bambino, la separazione, le seconde nozze, i conflitti con le persone adulte, l'adolescenza... sono cose che molti ragazzini di oggi devo affrontare. Colfer, con le sue parole e le sue storie così vicine alla fanciullezza, rende meno traumatici i cambiamenti e i problemi legati alla vita di tutti i giorni, rassicurando quasi il lettore.
Tra le tematiche toccate dall'autore ci sono l'amore, l'amicizia, la fratellanza, l'unione familiare, la fiducia in se stessi e nelle proprie capacità, il perdono, il rimorso, il rimpianto, l'invidia, l'infelicità, il senso di appartenenza, la speranza... Sono solo alcuni degli innumerevoli temi che questo giovane autore sfiora e approfondisce con la sua penna, uno più importante dell'altro.
La struttura della trama è molto simile a quella del primo libro della saga; il romanzo non è privo di colpi di scena e il lettore si sorprenderà ancora una volta dell'incredibile capacità di Colfer di intrecciare con grande maestria fiabe molto diverse tra loro. Davvero notevole dunque la sua fantasia, che non smette di sorprendere.
Infine, un appunto sul finale: esso è a sorpresa, quasi inaspettato, e fa desiderare ardentemente il seguito, che uscirà in estate negli Stati Uniti e che (udite, udite!) probabilmente non sarà neanche l'ultimo.


"La Terra delle Storie - Il Ritorno dell'Incantatrice" è un libro che si rivolge ad un pubblico giovane, tuttavia ha molto da insegnare anche ai lettori adulti.
Lo consiglio a tutti colore che si ricordano con nostalgia  dell'infanzia e delle fiabe, a chi crede nell'importanza dei libri e della lettura, a chi vuole immergersi in una storia originale ed avvincente, vivendo nuove avventure insieme ai protagonisti, e a tutti i sognatori che non perdono mai la speranza.

N.B: Le immagini sono state tratte dal web.

Voi che ne pensate? Lo avete letto?




venerdì 18 aprile 2014

Lights and Shadows # 73


Bentornati nella mia Foresta Incantata!
Eccoci ritrovati con questa rubrica che molti di voi conosceranno con altri nomi, infatti me l'hanno gentilmente ceduta Alice del blog Stargazer's Tides, Rowan del blog Ombre Angeliche e Reina del blog Il Portale Segreto
Si tratta semplicemente di riportare le tre cose migliori (luci) e le tre peggiori della mia settimana (ombre).

Tre luci:

- Ho trascorso tre giorni insieme alla mia dolce metà =)

- Ho trovato un buon cellulare ad un prezzo accessibile, così ho salutato il mio vecchio, che non funzionava più.

- Domani rivedo Reina, non vedo l'ora! =D

Tre ombre:

- Ho comprato un bellissimo quaderno rilegato a mano, ma non so come utilizzarlo =(

- Non ho tempo per fare le cose che devo e non ho nessuna voglia di stare al pc.

- In questi ultimi giorni non mi sento bene e non capisco perché.


E adesso ditemi: quali sono le tre luci e le tre ombre della vostra settimana?

mercoledì 16 aprile 2014

Recensione: "La Bella e la Bestia", adattamento di Vanessa Rubio-Barreau


Bentornate nella mia Foresta Incantata, creature del bosco!
Passo di qua per recensirvi un libro che ha incuriosito molti, sebbene non abbia avuto molto successo, almeno qui sul web. L'ho letto dopo averne visto il film al cinema, passo subito a commentarvelo.



Autore: Vanessa Rubio-Barreau
Editore: Mondadori
Collana: Chrysalide
Pagine: 184
Prezzo:  14,90 euro

Trama: C'era una volta, tanto tempo fa, un ricco mercante. Era vedovo e aveva sei figli, tre maschi e tre femmine. Era un uomo buono e generoso e voleva bene a tutti e sei, ma una sola era la sua prediletta: Belle. Il ricco mercante possedeva tre grandi navi che solcavano i mari del mondo, ma un brutto giorno una tempesta le travolse e le fece affondare. L'uomo perse tutto e la famiglia fu costretta a trasferirsi in campagna. Quando il padre tornò per la prima volta in città, mentre le sue sorelle pretendevano abiti, cappellini e belletti, Belle chiese soltanto una rosa. Fu così che, per accontentarla, il mercante cadde nell'inganno della Bestia,...

Voto:
Recensione
"La Bella e la Bestia" è il libro tratto dall'omonimo film uscito un mese fa nelle sale cinematografiche. Non potevo lasciarmelo scappare, visto che amo la fiaba in esso contenuta, e non ne sono rimasta delusa, o almeno non del tutto. La grafica editoriale poi è stupenda, ma andiamo con ordine...
L'autrice usa per questo breve romanzo il lessico tipico delle fiabe: si presenta dunque semplice e arricchito da numerosi aggettivi, che avvolgono il lettore in un'atmosfera magica e fiabesca. Dalla penna della Rubio-Bareau, complice anche la bellissima grafica editoriale, veniamo trasportati in un mondo fantastico, decorato da rose eterne e preziose; il lettore si ritrova a passeggiare nel misterioso castello della Bestia, sfarzoso e colmo di meraviglie, oltre che nei territori ad esso circostanti, dove magnifici roseti e giganti di pietra la fanno da padroni.
Il ritmo è incalzante, anche per il fatto che la storia viene raccontata nella sua essenzialità e il lettore segue con trasporto le vicende che vedono come protagonista la giovane Belle. Il libro scivola via in una manciata di ore, complici anche le poche pagine che ne compongono la storia.
Proprio a causa della brevità del romanzo, i personaggi non riescono a raggiungere una grande profondità psicologica. L'autrice, rifacendosi alla sceneggiatura del film, crea personaggi con caratteristiche piuttosto fisse, tuttavia la loro evoluzione al termine della storia è innegabile.
Belle, molto simile e anche molto diversa da quella che tutti conosciamo dal celebre film d'animazione Disney, è una giovane donna testarda, coraggiosa e fiduciosa. La sua semplicità d'animo si manifesta più volte al lettore: Belle preferisce la vita di campagna a quella di città, così frivola e inutile. Si rimbocca le maniche senza scoraggiarsi e senza temere la povertà, ama le cose semplici, genuine, e preferisce ricevere in dono una rosa piuttosto che abiti e gioielli degni di una principessa. La vera nobiltà di Belle risiede nel suo animo profondamente altruista, e finisce più volte per sacrificarsi  per il bene delle persone che ama, senza rimpianti. Anche la Bestia appare molto diversa dall'interpretazione disneyana; i suoi modi sono brutali, poiché nasconde un passato doloroso, tuttavia dimostra spesso la sua umanità a Belle, la quale non manca di notare che sul muso felino della Bestia si aprono due occhi profondamente ed incredibilmente umani. La Bestia appare fin da subito generosa con Belle, offrendole regali e concessioni; egli si vergogna del suo temibile aspetto e più volte intima alla fanciulla di distogliere lo sguardo dal suo volto animalesco.
Per quanto riguarda i personaggi secondari, incontriamo Anne e Clotilde, le due sorelle di Belle che rappresentano la perfetta antitesi della protagonista: frivole, mondane e superficiali. Tra i parenti di Belle spiccano anche Jean-Baptiste, scrittore in erba, il giovane e determinato Tristan e il focoso Maxime: tutti e tre fratelli maggiori di Belle, avranno il loro ruolo all'interno della storia.
La trama si presenta piuttosto lineare e segue in quasi ogni suo punto la fiaba nella sua versione tradizionale, con qualche piccola modifica. Avrei preferito che l'autrice approfondisse di più il sentimento tra Belle e la Bestia, che qui è appena accennato, quasi precipitoso, non offrendo al lettore la possibilità di vivere con profondo trasporto le vicende narrate.
Tra i messaggi che questa fiaba lancia, c'è quello della semplicità d'animo, che viene sempre ripagata. L'autrice critica l'avidità e l'ingratitudine, così come anche la vanità e l'ingordigia. Il messaggio più bello ed importante però di questa meravigliosa fiaba  il saper andare oltre le apparenze; l'amore non deve essere un sentimento legato alla bellezza esteriore, ma alle caratteristiche che compongono caratterialmente una persona.
Il romanzo si rivolge ad un pubblico giovane, che saprà sicuramente apprezzarne il linguaggio semplice e il messaggio ivi nascosto. Tuttavia, la lettura si gode bene anche da adulti, purché non si sia dimenticata l'infanzia. Lo consiglio a bambini e ragazzi che amano il genere fantasy e che non disdegnano le fiabe, ma anche ai genitori, come dolce lettura della buonanotte per i loro figli. Consigliato anche a tutti coloro che hanno voglia di ritornare bambini, immergendosi in un libro che profuma di fiaba e magia.

Voi che ne pensate? Lo avete letto?




martedì 15 aprile 2014

Il Salotto Letterario # 2


Bentornati nella mia Foresta Incantata!
Con oggi termina il primo tema del Salotto Letterario, che se ricordate era l'Amore (in tutte le sue forme). Questa era una prova e oggi io e Reina vogliamo proporvi una nuova versione del Salotto in modo da renderlo sempre migliore per tutti voi. 
Per chi non lo ricordasse, il Salotto Letterario di Reina e Mirial è un semplice "posticino" virtuale in cui scambiarci opinioni sulle nostre letture e per farlo abbiamo deciso di scegliere un tema di volta in volta diverso per leggere i libri inerenti e pubblicare le vostre recensioni/consigli a riguardo. L'idea è quella di poter creare una sorta di elenco di libri consigliati da voi divisi per tematiche in modo da poter trovare nuovi spunti e idee di lettura oltre che confrontare e condividere idee e pensieri. C'è anche una pagina facebook dedicata QUI. Per saperne di più potete leggere la prima puntata QUI. Ma torniamo a noi... Come abbiamo detto il tema del primo salotto è stato l'Amore ed ecco qua il risultato: 

PARTECIPANTI

Reina 
Mirial 
Ilenia T.D. Lemon 
Sonia Esse

LIBRI RECENSITI:
 

Clicca sui titoli per leggere le recensioni dei libri.
Ebbene, cosa cambierà rispetto al mese precedente? Semplice, questa volta ci sono tre modi per partecipare e potete scegliere quello che preferite!

BOOKS ADDICTION - ovvero leggere e recensire (o commentare semplicemente) uno o più libri a propria discrezione che siano inerenti al tema scelto. Quindi il numero e il libro da leggere è a scelta del lettore. Una volta letto il libro è sufficiente inviare la recensione/commento con tanto di stelline (da 1 a 5) alla mail del salotto o, nel caso di blogger, inviare il link alla recensione del suo blog.
 

TEA BOOKS CLUBovvero leggere e recensire (o commentare semplicemente) il libro consigliato, in modo da poter confrontare tutti insieme le impressioni su una stessa lettura. Una volta letto il libro è sufficiente inviare la recensione/commento con tanto di stelline (da 1 a 5) alla mail del salotto o, nel caso di blogger, inviare il link alla recensione del suo blog. In questo caso ci farebbe piacere sapere se preferite libri che possiamo inviarvi in ebook per partecipare.
 

MOVIE ON - abbiamo deciso di aggiungere anche la visione di un film questo mese. Chi volesse partecipare ma non riesce a leggere un libro del tema mensile, può passare al film scelto e come per gli altri, una volta visionato il film è sufficiente inviare la recensione/commento con tanto di stelline (da 1 a 5) alla mail del salotto o, nel caso di blogger, inviare il link alla recensione del suo blog.  

Niente vieta di partecipare a più sfide insieme. Per partecipare è sufficiente lasciarci una mail nel commento confermando la vostra partecipazione (e se avete già scelto con quale sfida partecipare potete indicarlo subito).
Se avete domande, dubbi e suggerimenti come sempre vi invito a scriverci! Anche per consigliare temi futuri o libri da leggere tutti insieme, per suggerire nuovi metodi di partecipazione o qualunque altra cosa che vi venga in mente. Speriamo che l'idea vi piaccia!


Il tema da noi scelto per i prossimi due mesi è
la Natura

quindi qualunque libro in cui spicchi una sensibilità per la natura incontaminata, possono esserci protagonisti animali. Potete sbizzarrirvi come meglio volete!

Libri consigliati per il tea book club:


Abbiamo scelto tre libri che riteniamo meritevoli per qualche motivo. Primo tra tutti "Il Passaggio dell'Orso" di Giuseppe Festa, libro che abbiamo letteralmente amato (e che Reina ha recensito poco tempo fa, trovate QUI la recensione). Dopodiché abbiamo deciso di scegliere un classico della letteratura per ragazzi, ovvero "Zanna Bianca" di Jack London che molti conosceranno, una storia di lupi e di legame tra uomo e animale e il richiamo del selvaggio. Infine abbiamo scelto "L'uomo che piantava gli alberi" di Jean Giono, un libro piccolissimo che però ha molto da dire.  
Vi informiamo che abbiamo a disposizione i libri di London e L'uomo che piantava gli alberi da inviare come ebook per chi volesse partecipare ma non possiede i libri indicati. Per riceverli vi sarà sufficiente scriverci una mail indicandoci i libri che desiderate ricevere, in cambio basterà leggerlo entro due mesi e inviarci una recensione o commento della lettura.

Abbiamo pensato molto a quale film scegliere per questa primo salotto cinematografico, avevo delle idee e alla fine abbiamo pensato che potesse essere bello guardare i video tratti proprio dai libri proposti in modo da poter fare un confronto libro/film per chi lo desidera e nel caso uno di voi non riesca a leggere i libri indicati almeno potrebbe approfittarne per guardarsi il video del libro. Quindi vi lasciamo due brevi video/documentari che speriamo possano piacervi. A noi sono piaciuti moltissimo e speriamo che possano regalarvi dei bei momenti e tante riflessioni che speriamo vorrete condividere con noi. Se vi interessa possiamo organizzare degli incontri settimanali in chat :)
Qui sotto trovate il recapito email a cui inviare link, richieste, recensioni, discussioni, proposte ecc., seguito dal link alla pagina Facebook da noi creata per l'evento.
salotto_letterario@libero.it
Infine, abbiamo pensato di creare un banner da inserire nei nostri blog, potete prelevarlo e inserirlo nei vostri per fare pubblicità all'iniziativa e rendere più funzionale questo Salotto Letterario virtuale!

Con la speranza di avervi entusiasmato, vi salutiamo e vi diamo appuntamento a lunedì 15 giugno per il resoconto di questo Salotto. Aspettiamo le vostre mail! Fateci sapere se questa idea vi piace!


LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...